Idontexist: “La musica che faccio è cambiata tanto, come sono cambiato io come persona”

Pic by Carlo Cosenza

E’ disponibile su tutte le piattaforme digitali “Crush Test“, l’EP di debutto di Idontexist, artista di cui vi abbiamo parlato qui in occasione del singolo apripista “Crashhh“.

Ieri abbiamo avuto il piacere di scambiare quattro chiacchiere con lui; di seguito, la nostra intervista.

Idontexist – Intervista.

Ciao e grazie per questa chiacchierata. Ascoltando il tuo nuovo EP, “Crush Test”, io personalmente, ci ho visto tante cose: tu cosa ci vedi? Cosa è per te questo progetto e come mai hai scelto questo titolo?

Ciao ragazzi, grazie a voi! “Crush Test” è un gioco di parole. C’è sempre una donna nelle storie che vale la pena raccontare e c’è sempre un incidente fortissimo che non lascia nessuno illeso. Ci vedo un’espressione naturale di quella che è la mia storia personale, una fotografia di istanti in cui molti possono rivedersi.

Il tuo debutto nel mondo della discografia è avvenuto nel 2018: com’è cambiata la tua musica in questi anni?

Il mio debutto sulle piattaforme streaming e con questo nome è del 2018, ma le cause di questa follia vanno ricercate molto più indietro negli anni (ride). La musica che faccio è cambiata tanto e cambierà ancora tanto, esattamente come sono cambiato io come persona e come cambierò altre mille volte nel corso della mia vita. Diciamo che per il momento sto vivendo l’assestamento, credo di essere prossimo all’evoluzione che desidero, ma c’è molto da lavorare e perfezionare.

Elettronica e Rap, due anime ben presenti in “Crush Test”. Come nasce questo intreccio?

Innamorato del Rap già da bambino, mi sono acchiappato tutti i dischi vecchi per mera curiosità e voglia di conoscenza, amando la cultura ed il genere, poi la svolta adolescenziale, dove la musica elettronica mi ha praticamente spaccato la vita. Da lì mi sono detto “oh, proviamo a fare sta figata, mischiamo, vediamo cosa succede!” e adesso eccoci qui.

Tre brani senza i quali idontexist non sarebbe idontexist? All’interno di “Crush Test”, c’è una canzone a cui sei legato di più?

Sono troppi, ben più di tre, però oggi mi sento romantico e ne dico uno davvero fondamentale. “Fall Creek Boys Choir” di James Blake e Bon Iver. Per quanto riguarda un mio brano a cui sono molto legato, ti dico “Polvere“, è troppo intimo ed è uno di quei brani che mi spacca il fiato e che custodisco gelosamente. Quando non lo so, mi ricorda il cosa e il perché.

Ultima domanda: cosa dobbiamo aspettarci nei prossimi mesi di Idontexist?

Nulla, non aspettatevi nulla che ho un problema con le aspettative (ride)! Diciamo così, incrociate le dita, io faccio il mio.

Pic by Giorgia Amato

 

Si ringraziano Idontexist e, come sempre, l’Ufficio Stampa Astarte.

Potrebbe interessarti ...