E’ online “Beyond 2 Doors”, il nuovo album di Gianluca John Attanasio

E’ disponibile su tutte le piattaforme digitali “Beyond 2 Doors“, il nuovo album di Gianluca John Attanasio, artista di
origini Italiane, ma inglese di adozione.

13 tracce che spaziano dal blues ad un rock psichedelico “vintage”, che richiama subito alla mente band come The Doors. Nel CD trovano ampio spazio ballate romantiche ed introspettive il cui protagonista è l’Amore. C’è quello vissuto dal bluesman, solitario ed abbandonato da donne spietate, quello che abbiamo deciso di terminare per prenderci cura del nostro mondo interiore e quello che fa soffrire di più, che è sicuramente l’amore che, una volta finito, ci ha trasformati in pianeti dispersi, vaganti in un Universo ancora più sconfinato, alienante e buio, come si legge in “Sacred Flight“.

“Beyond 2 Doors”, scritto, arrangiato e prodotto dallo stesso Attanasio – il quale, nel corso degli ultimi
15 anni, ha anche composto musiche per il cinema indipendente, il teatro e la danza -, affronta tuttavia anche
il tema della solitudine, dell’indifferenza e del bisogno di percorrere un viaggio interiore alla ricerca delle nostre emozioni, come nei brani “Life Will Continue“, “Silent Roads” e “Black Forest“.
Se vivi in una grande metropoli, oggi puoi sentirti ancora più solo, specie se non ti ascoltano neppure i tuoi genitori o gli amici. Le grandi città possono poi trasformarsi in minacciose, oscure foreste nelle quali possiamo fare affidamento solo sul nostro coraggio, come Attanasio canta nella oscura e assai “doorsiana” “Black Forest”. A volte, tuttavia, si deve percorrere un viaggio solitario e silenzioso all’interno della mente per ricordare chi eravamo, come avviene in “Silent Roads”.

Il disco, che è stato composto “on the road” tra Roma, Londra, New York e Los Angeles nell’arco di 4 anni, non si limita al suono blues/rock ed a testi ironici e “taglienti” come quello di “King Money“, ma esplora anche sonorità elettroniche, come quelle che troviamo in “God Save Every Soldier” ed in “Miss Dog (She Konws He Wanna Be Her Dog)“. Il primo è un omaggio ai soldati americani ed alle loro famiglie, il secondo, è una visione ironica della donna di oggi, la quale tiene in pugno l’uomo attraverso l’arma della seduzione e della provocazione sessuale. Pianoforti acustici ed elettrici , organi “Vox continental”, chitarre elettriche ed acustiche, loop e pad elettronici sono il cuore di questo album, che può essere considerato un viaggio sonoro dagli anni ‘60 ad oggi.

 

Si ringrazia l’Ufficio Stampa La Casa di Nuvole Agency per la collaborazione.

Potrebbe interessarti ...