Manuel Finotti: “Bisogna credere il più possibile in quello che si fa ed avere la costanza di farlo ogni giorno”

Manuel Finotti torna con “Forse Dovremmo Parlare” (qui il nostro articolo a riguardo), il suo nuovo singolo: un brano dedicato all’amore, ai rapporti da salvare, a chi ha il coraggio di esprimere i propri sentimenti.

Ieri abbiamo avuto il piacere di scambiare quattro chiacchiere con Manuel; di seguito, la nostra intervista.

Manuel Finotti – Intervista.

Ciao Manuel e grazie per questa intervista. “Forse dovremmo parlare” è il tuo nuovo singolo, da dove nasce l’idea di questo brano?

Ciao ragazzi e grazie a voi! L’idea è nata in maniera totalmente spontanea, proprio perché non riuscivo a far capire ad una ragazza ciò che sentivo in quel momento e la canzone è uscita fuori come una reazione allergica a questo bisogno. È stata scritta insieme a Jacopo Federici, viaggiato per cercare la forma che più ci piaceva.

Sei anche un autore affermato, che emozioni hai provato quando Giordana Angi ha portato all’ultimo Festival di Sanremo uno dei brani che avete scritto insieme (“Come Mia Madre“)?

È stato un momento pieno di emozioni, tantissime tutte insieme. Ricordo le mani sudate e la gola secca appena iniziata la canzone, poi un vuoto di tre minuti fino alla fine. Sanremo è il sogno di chi comincia a scrivere canzoni e quando lo fa chiude gli occhi, sperando che un giorno quel brano possa passare su quel palco.

Abbiamo trascorso dei mesi molto bui a causa della pandemia, tu come hai vissuto questo periodo di lockdown? L’isolamento forzato ti ha aiutato a scrivere qualche pezzo nuovo?

Ho lavorato su molte idee che avevo già iniziato in passato, portandole a termine. Come quando fai il cambio dell’armadio per lasciare spazio alle cose che verranno.

Quali sono i tuoi artisti di riferimento?

Lucio Dalla, Daniele Silvestri e Dargen D’amico

Che consiglio ti sentiresti di dare ad un cantautore o ad un autore che desidera emergere in quest’epoca discografica?

A dare consigli non sono tanto bravo (ride); posso solo dire di credere il più possibile in quello che fanno e di avere la costanza di farlo ogni giorno.

Ultima domanda: progetti futuri?

Stiamo realizzando a piccoli passi molti progetti che prenderanno vita nei prossimi mesi, dai live a nuove canzoni che non vedo l’ora di far uscire dal mio hard disk.

 

Si ringraziano Manuel Finotti e, come sempre, l’Ufficio Stampa RedBlue.

Potrebbe interessarti ...