Endigii: “Non vedo l’ora di ristabilire il contatto con il pubblico, per me è fondamentale”

E’ disponibile in tutti gli store digitali “Lacrime” (Sony Music Italy), il nuovo singolo di Endigii ed Itten, che arriva a 4 mesi dall’uscita di “Cinema“.

Il brano, che a sole 48 ore dall’uscita contava già oltre 30 mila stream, catapulta l’ascoltatore sui sedili in pelle di una decappottabile, in compagnia del proprio amore estivo, mangiando pop corn sotto i neon di un drive-in. “Lacrime” è una perfetta connessione generazionale, che unisce il sound dei vinili conservati in soffitta alle tendenze del momento.

Ieri abbiamo avuto il piacere di porre qualche domanda ad Endigii; di seguito, la nostra intervista.

Endigii – Intervista.

Ciao Endigii! La prima volta che ho ascoltato “Lacrime”, ho pensato che fosse davvero una bella scommessa. Uscito da pochi giorni, direi che sta andando molto bene sul fronte di ascolti e stream, te lo aspettavi?

Ciao! Onestamente no, abbiamo realizzato più versioni del singolo, il risultato è il frutto di 4 mesi di lavoro. Tutto questo proprio per riuscire a sfruttare al meglio il potenziale della traccia. Sono contentissimo che la risposta del pubblico sia stata così positiva fin da subito.

Nonostante l’estate sia alle porte, le sonorità di “Lacrime” non sono quelle tipiche dei “tormentoni” estivi, come mai tu ed Itten avete optato per un sound diverso?

Volevamo fare qualcosa di differente. Personalmente, mi piace seguire le tendenze del momento ma amo farlo a modo mio. Mi sono sempre rispecchiato nella musica degli anni 80, quindi mi sono detto:” perchè no?”

In questa situazione è molto difficile parlare di concerti. Secondo te quanto sono importanti i live nei progetti di un artista? E quanto i numeri?

I live per un artista sono importantissimi, non vedo l’ora di ristabilire il contatto con il pubblico, per me è fondamentale. Sicuramente anche i numeri attirano l’attenzione, ma credo che l’emozione di riempire uno stadio non possa essere equiparata a quella di fare 10 milioni di stream.

Tra featuring e singoli vi state muovendo molto bene, seguendo in linea di massima la richiesta del mercato musicale italiano. Avete già in mente progetti futuri?

Certamente, siamo a lavoro giorno e notte per proporre a chi ci ascolta prodotti curati fino all’ultimo dettaglio. Per il momento però non posso svelare molto.

Dopo quasi 20 singoli ed un EP, qual è, se c’è, il brano che più ti rappresenta, quello che senti più tuo?

Ogni singolo per me è quasi come un figlio, quindi è difficile rispondere a questa domanda. Come segno di buon auspicio, però, mi sento di dire “Lacrime”. E’ stato molto soddisfacente lavorare a questo brano con Itten e spero che le persone continuino a spingerlo come stanno facendo ora.

Grazie per questa piacevolissima chiacchierata. Salutaci scegliendo tre canzoni che non possono mancare nella tua playlist.

Grazie a voi!

Save Your Tears” di The Weeknd;

Feeling Whitney” di Post Malone

Reflex” di SAINt JHN.

 

Si ringraziano Endigii e l’Ufficio Stampa di See You Records per la collaborazione.

Potrebbe interessarti ...