Laioung, in Conferenza Stampa, presenta “Rinascimento”, il suo nuovo album che verrà pubblicato il prossimo 26 Aprile

Si è tenuta nel pomeriggio di oggi, presso gli studi milanesi della Universal Music Group, la Conferenza Stampa di presentazione di “Rinascimento”, il nuovo album del rapper Laioung, che verrà pubblicato, per Polydor/Universal Music, il prossimo 26 Aprile.

Anticipato dal singolo “Proteggimi“, il disco arriva a distanza di due anni dall’ultimo progetto discografico dell’artista, “Ave Cesare: Vieni, Vidi, Vici“.

“D’ora in poi, ve lo dico, farò un album all’anno”

Con queste  parole, pronunciate con il sorriso e lo sguardo appassionato, Laioung apre la Conferenza.

Diretto, divertente, con i piedi per terra e le idee chiare; la sua passione per la musica si avverte in ogni discorso, in ogni frase, che seppur spontanea e non forzata – non studiata a tavolino per fare colpo sulla Stampa -, non risulta mai scontata, banale.

Classe 1992, nato a Bruxelles da padre italiano e madre africana, Laioung (pseudonimo di Giuseppe Bockarie Consoli, che deriva dall’unione di “Lion” e “Young”), gira il mondo e, fin da ragazzino, si appassiona alla musica.
Nove anni nelle vesti di Direttore Artistico e produttore (ruoli che svolge tutt’ora per gli artisti che più lo colpiscono), lo hanno sicuramente portato ad avere un’ampia cultura musicale, che si percepisce in tutto quello che dice, senza però farlo passare per presuntuoso, saccente.

“Ho scelto di chiamare il disco ‘Rinascimento’ – afferma l’artista rispondendo alla domanda ‘Come mai questo titolo?’ – perché stiamo uscendo dal Medioevo e, da qualche anno, siamo entrati in un momento storico di rinascita dell’Arte. ‘Rinascimento’ perché la Musica, l’Arte, devono rifiorire dentro ciascuno di noi”.

E “Rinascimento” anche come a dire “Ehy, sono tornato e questo è quello che propongo, quello che faccio, con passione e rispetto”.

Il disco è composto da 10 tracce, tra cui un featuring, con Diawel (anche lui presente in Conferenza), che sono state interamente scritte e prodotte dallo stesso Laioung; di seguito, la tracklist:

  1. Territorio
  2. 6 Km per Marte
  3. Dentro Un Sogno (feat. Diawel)
  4. Ma Com’è
  5. Proteggimi
  6. Amigo Amigo
  7. Papà
  8. Terra
  9. Carico Scarico
  10. 5 Euro Per Morire

Noi, che abbiamo avuto il piacere di ascoltare l’album in anteprima, possiamo assicurarvi che si tratta di un progetto minuzioso, autentico, che dalle basi ai testi non lascia nulla al caso.
Brani impegnati, densi di significato: dall’ultima traccia, “5 Euro Per Morire”, in cui l’artista racconta di una situazione vissuta nel 2011, quando ha assistito allo sfruttamento da parte dei caporali di alcuni immigrati che lavoravano in un campo di pomodori (ed il giorno successivo alla stesura del brano, uno di quegli uomini è tristemente venuto a mancare), allo stesso singolo apripista “Proteggimi”, pezzo intimo e sincero, che incita all’amore, alla gratitudine, alla protezione della famiglia e degli affetti più profondi che abbiamo nella vita.

In una traccia, Laioung dice “Il dovere prima di tutto” ed alla domanda di un collega sul significato di questa frase, l’artista risponde:

“Bisogna sapere quello che si vuole diventare per diventarlo davvero. E bisogna impegnarsi al massimo per ottenerlo. Il talento è un dono, ma spesso, chi ha talento, sentendosi già arrivato, non sente il bisogno di lavorare su stesso per migliorare; al contrario, chi si è sentito dire tante volte ‘non puoi farcela’, ‘è meglio se lasci perdere’, si impegna di più e poi i risultati arrivano”.

E quando un altro collega gli chiede se preferisca lavorare all’estero oppure in Italia, lui risponde:

“In America, per esempio, non conta quanti followers hai, o quanta gente vede i tuoi video. Se un artista di fama mondiale rimane colpito da ciò che proponi, ti chiama e ti chiede una collaborazione. Anche se hai fatto un solo singolo, anche se non sei famoso. Questa è la vera passione per la Musica. Mi è capitato di collaborare con alcuni dei miei idoli, non mi sembrava vero, ma è la passione per la Musica ad unire la gente, indipendentemente da quanto sei seguito sui Social. Ed aver collaborato con persone che davvero mi hanno ispirato negli anni, persone che stimo profondamente, mi ha fatto comprendere ancora di più cosa significa quando qualcuno mi ferma e mi dice ‘Ciao Laioung, io ti ascolto tutti i giorni’.
Per quanto riguarda l’Italia, bé, anche qui si lavora bene; solo si dovrebbe creare prendendo spunto dalle grandi opere artistiche che già abbiamo, così come fanno in altri Paesi nel mondo e non guardare a quello che fanno gli altri. Non serve copiare quello che propongono oltre i confini; si può rifare, sempre con rispetto, Battisti, Dalla…Molti copiano non perché non abbiano talento, perché di talenti in Italia ce ne sono moltissimi, ma per pigrizia. E a queste persone voglio solo dire ‘svegliati, puoi creare qualcosa di nuovo e può essere bellissimo’. Essere originali è solo scoprire se stessi un po’ di più. Nessuno può essere uguale a qualcun altro”.

Ed aggiunge:

“La musica per me ha tre elementi essenziali: la melodia, che da emozione; la batteria, che da il ritmo e il basso (808), che da la vibrazione. L’ascoltatore ama il basso perché ancora prima di nascere, nella pancia della mamma, sono proprio le frequenze basse le sole che riusciamo ad ascoltare e questo suscita in noi ricordi, vibrazioni”.

Parole sincere, piacevoli come piacevole è la semplicità e la genuinità con cui vengono pronunciate; parole che arrivano dritte e dirette a chi le ascolta, forse proprio perché il loro obiettivo non è quello di “fare colpo”, ma di aprire una porta nella coscienza che esorti a “svegliarsi”, a fare ciò che realmente si desidera, impegnandosi ogni giorno per migliorarsi e per ottenerlo.

Dopo l’uscita dell’album verranno comunicate le date del nuovo Tour di Laioung, un artista che come molti, ma a differenza di altrettanti molti, punta più al vero piacere di fare Musica che a strategie di business e di vendita; un artista che, sicuramente anche grazie alle esperienze artistiche vissute all’estero, punta in alto, ma con i piedi ben saldi a terra.

 

Si ringrazia come sempre l’Ufficio Stampa Line Up per la disponibilità e la Universal Music Group per l’ospitalità.

Potrebbe interessarti ...

0

Rispondi