Sanremo 2019: Nino D’Angelo e Livio Cori in Conferenza Stampa

Oggi pomeriggio, Nino D’Angelo e Livio Cori sono stati in Conferenza Stampa con i giornalisti.

I due artisti napoletani, il primo, uno dei pilastri della musica non solo partenopea, ma nazionalpopolare italiana ed il secondo, rapper classe 1990, hanno risposto alle domande dei colleghi.

La loro collaborazione è nata prima dell’idea di partecipare al Festival di Sanremo ed il brano “Un’altra luce”, scritto a 4 mani, oltre ad essere presentato questa sera sul palco dell’Ariston, verrà inserito anche nella sua versione originale (in “lingua napoletana”) nel primo album di Livio, “Montecalvario (Core Senza Paura)”, album che lo stesso artista ha visto proprio oggi per la prima volta e che verrà pubblicato venerdì 08 Febbraio per Sugar Music.

Nino D’Angelo, tra i primi artisti ad aver portato in Italia il concetto del “firmacopie”, è, da sempre, un grande sostenitore dei giovani talenti. Queste le sue parole su Livio e sui giovani:

“Non ho fatto un piacere a Livio, collaborando con lui; lui ha fatto un piacere a me. E’ uno scambio. Una persona della mia età deve imparare dai giovani. I giovani sono il mio futuro”.

Nelle sonorità moderne (come per esempio, l’utilizzo dell’Autotune che inizialmente era contrario ad utilizzare per la sua timbrica, ma che poi, ha piacevolmente scoperto essere musicalmente interessante ), D’Angelo ha ritrovato il sapore dell’elettronica degli anni ’60/’70. E, proprio riguardo la questione Autotune, Cori rivela:

“Non lo userò sul palco. Lo uso nei dischi, ma ci tengo a fare i live senza”.

Il giovane rapper prosegue, sulla decisione di partecipare al Festival:

“Nino mi ha detto fidati, proviamoci e ce l’abbiamo fatta. La paura a volte ti salva la vita, un po’ la devi conservare. Core senza paura, il sottotitolo del mio album, è anche darsi coraggio da soli. Ora ho un po’ d’ansia per stasera, un po’ di paura, ma la prendo come paura sana, in un percorso come questo. Cerco di concentrarmi sulla performance e sul senso del brano, per farlo arrivare a più persone possibili”.

E conclude:

“Oltre all’insegnamento musicale, Nino D’Angelo è una luce che illumina il percorso, come dico nel brano. E’un vero maestro di vita”.

Potrebbe interessarti ...

0

Rispondi