X Factor 13: la prima puntata di BootCamp

Ieri sera è andata in onda la prima puntata dei BootCamp di X Factor 13, durante la quale Samuel, per la categoria Gruppi e Sfera Ebbasta, per la categoria Under Donne, hanno scelto i 5 concorrenti delle loro rispettive squadre che porteranno alla fase successiva, quella degli Home Visit.

Si inizia dai Gruppi.

I primi a salire sul palco milanese sono gli Ophelya, gruppo tutto al femminile che arriva da Sestri Levante. Alle Audition avevano convinto i giudici con il loro inedito, per i BootCamp, scelgono “No Roots” di Alice Merton.
La prima sedia, è loro.

Seguono i Kyber, che con la loro performance sulle note di un pezzo Rag’n’Bone Man incantano tutti. Anche per loro, una sedia.

I primi a dover lasciare il talent sono i Metriacsaak, che non convincono Samuel con “Metti che domani” di Willie Peyote.

E’ il momento dei Monkey Tempura, che riescono a guadagnarsi una sedia interpretando “Take Me To Church” di Hozier.

Arrivano gli Ambo I Lati, acclamati dal pubblico, ma che non riescono a convincere pienamente Samuel. Per loro, il percorso ad XF13, termina qui.

I K_Mono, cantano “Wicked Game” di Chris Isaak e per loro parte la standing ovation del pubblico. Samuel, chiede alla cantante della band, Giulia, di intonare qualcosa in italiano e con la sua voce meravigliosa, interpreta “Mi sono innamorata di te” di Luigi Tenco. La sedia è loro.

I TNL, durante le Audizioni, avevano preso 3 sì ed un no, no dato proprio da Samuel. Anche questa volta non riescono a convincere il frontman dei Subsonica e per loro, nessuna sedia.

I Keemosabe portano “Lost Number” dei The Fools. La loro esibizione conquista tutti e l’ultima sedia libera, è loro.

Seguono gli Accasaccio, che cantano “Le Vent Nous Portera” di Noir Désir. Il pubblico li acclama, ma Samuel decide di non portarli agli Home Visit.

Arrivano i Sierra, che presentano una versione rivisitata da loro di “No Rules” di Dua Lipa. A Samuel la performance è piaciuta ed è il momento del primo Switch. Lo Switch è con le Ophelya.

Arrivano i Booda, che con “River” di Bishop Briggs incantano e conquistano pubblico e giuria. Standing ovation per loro e Switch con i Monkey Tempura.

Salgono sul palco i Seawords, in una nuova formazione. Il chitarrista che accompagnava Giulia, la cantante, durante le Audition, ha deciso di interrompere la sua carriera musicale e la giovane artista si presenta con un nuovo musicista. Eseguono “Blue Lights” di Jorja Smith e l’atmosfera che riescono a creare in sala, è davvero magica. Switch con i Keemosabe.

Si chiude così la squadra di Samuel.
Questi, i suoi Gruppi:

– Booda
– K_Mono
– Kyber
– Seawords
– Sierra

Il secondo giudice a dover formare per propria squadra è Sfera Ebbasta, per la categoria Under Donne.

La prima ad esibirsi è Claudia Ciccateri, che porta “Nessun dolore” di Giorgia. Sfera le assegna la prima sedia.

Segue Martina Maggi con un brano di Tracy Chapman. Anche per lei, sedia.

Si continua con Sara D’Elia, in arte Sarah DeliJah, che presenta “NMRPM” di Gazzelle. Guadagna la sedia.

Ottiene la sedia anche Arianna Del Giaccio.

Maria Stija De Cuevas, dopo aver incantato pubblico e giuria alle Audizioni con una versione intimista e molto emozionante di “Malo”, non riesce a fare altrettanto con “Morena mia” di Miguel Bosè e per lei il percorso ad XF13, si ferma qui.

E’ il turno di Sara El Abbadi, in arte Sea, che canta “Twerk”, un suo brano inedito in lingua araba. Niente sedia per lei.

Nessuna sedia anche per Miriana Legari, in arte Eclisse, che cerca di convincere il suo giudice con “Il Cielo Nella Stanza” di Salmo feat. Nstasia, ma la sua esibizione non convince.

Arriva Silvia Cesana, in arte Sissi, che emoziona tutti sulle note di “Love on the brain” di Rihanna. La sua voce meravigliosa fa partire la standing ovation del pubblico e la sedia, per lei, è d’obbligo.

Lavinia Di Ferdinando porta, chitarra voce, “L’isola che non c’è” di Edoardo Bennato, ma Sfera la trova sottotono e per lei niente sedia.

Segue Maria D’Amico che, con “Eye in the sky” di Noa riesce a conquistare giuria e pubblico e per Sfera è il momento del primo Switch. Lo Switch è con Claudia Ciccateri.

Giulia Galitzia, in arte Doll Kill, porta una versione rivisitata di “XNX” di Sfera Ebbasta. E’ il momento di un altro Switch ed è con Sara Delijah.

Niente sedia per Matilde Ardemagni.

Mariam Rouassm in arte Maryam, si presenta con una versione rivisitata, al femminile, di “Spillo” di Capo Plaza. Standing ovation per lei; la sedia è d’obbligo. Lo Switch è con Martina May.

Segue Beatrice Giliberti, cantautrice diciassettenne che arriva da Roma e porta un suo inedito, “How I feel”, nel quale racconta le sensazioni che prova quando ha attacchi di panico o periodi bui. Sfera si complimenta con lei ed effettua lo Switch con  Arianna Del Giaccio.

E’ il momento di Sofia Tornambene, in arte Kimono, che dopo aver conquistato tutti alle Audizioni con il suo inedito, scritto con Valeria Romitelli, si esibisce sulle note de “La leva calcistica del ’69” di Francesco De Gregori. Ed anche questa volta, pubblico e giuria rimangono incantati dalla sua voce delicata e ricca di colori e sfumature. La sedia è sua e lo Switch è con Maria D’Amico.

L’ultima concorrente ad esibirsi è Giordana Petralia che, con la sua arpa, dopo aver conquistato tutti alle Audizioni, intona “Strange Word” di Ke. Il pubblico è in delirio, la sua vocalità potente e decisa riesce a far breccia nel cuore di tutti. La sedia è d’obbligo e lo Switch è con Doll Kill.

Questa, la squadra che Sfera Ebbasta porterà agli Home Visit:

– Mariam Rouass (Maryam)
– Sofia Tornambene (Kimono)
– Giordana Petralia
– Beatrice Giliberti
– Silvia Cesana (Sissi)

X Factor 13 da appuntamento a tutti a giovedì prossimo, 10 Ottobre, sempre su Sky Uno, sempre alle ore 21.15, con , la seconda puntata dei BootCamp, durante la quale Malika e Mara Maionchi sceglieranno chi portare gli Home Visit.

Potrebbe interessarti ...