Carola: “Mi piace mettermi alla prova”

Ieri abbiamo avuto il piacere di intervistare Carola, nome d’arte di Carola Negro, giovane artista salentina che ha recentemente pubblicato il suo nuovo singolo, “Buco Nero” (Ilsuonodelsuccesso), prodotto da Simone Giuri.

Il brano è accompagnato dal videoclip ufficiale, diretto da Francesco Luperto di Zima Film.

Bella, talentuosa, diretta e piena di grinta.

Di seguito, quanto ci ha raccontato.

Carola – Intervista.

Ciao Carola, è un piacere intervistarti. Abbiamo ascoltato il tuo ultimo brano, “Buco Nero”. Come nasce questo brano?

Ciao! Il piacere è mio. “Buco Nero” nasce dalla voglia di esprimere il disagio di sentirsi a volte in completo disaccordo con se stessi e con la realtà. È un brano che ho scritto di getto durante la prima quarantena: ero nel letto una sera, dopo una giornata abbastanza difficile, e non riuscivo a dormire, così mi sono messa a scrivere, presa dall’ispirazione. Questa canzone racconta le mie paure, le mie fragilità, ma credo che possa dire tanto anche su questo anno difficile, in cui le insicurezze di ciascuno di noi sono venute a galla. Un anno in cui ci sentiamo tutti rinchiusi in un buco nero da cui facciamo fatica ad uscire.

Hai unito due generi musicali, trap e pop, molto diversi tra loro. Come mai questa scelta? E’ una melodia nata da dentro di te?

Quando ho scritto il testo di “Buco Nero” avevo già in mente una linea melodica precisa: ho subito detto a Simone, colui che ha prodotto il brano, che questa canzone sarebbe stata una bella sfida, poiché quelle precedenti avevano uno stampo del tutto diverso, non solo musicalmente, ma anche nella metrica del testo. Abbiamo provato ad avvicinarci a qualcosa di più moderno, inserendo un sound che richiamasse anche la musica trap, genere molto amato oggi dai ragazzi. Mi piace mettermi alla prova.

Abbiamo letto nella tua biografia che un evento importante della tua vita è stata la collaborazione con Simone Giuri. Come è nata?

L’incontro con Simone Giuri ha praticamente dato inizio a tutti i miei progetti odierni e futuri. Mi scrisse per la prima volta nel 2016 perché aveva bisogno di una cantante per le sue serate live; poi invece, ascoltando la mia voce, mi chiese anche se avessi voluto essere l’interprete di un brano che aveva scritto e composto lui. Ascoltai quel brano e me ne innamorai (tra l’altro, quel brano è “Rimani qui”, ed è uno dei singoli già editi su Spotify!). Da allora, abbiamo dato vita al mio progetto di inediti, brani scritti da lui o da me, o insieme, prodotti da lui e distribuiti dall’etichetta discografica Il Suono del Successo Music Production di Matteo Tateo. Siamo una bella squadra.

Qual è il tuo sogno nel cassetto?

Vorrei far conoscere la mia voce e la mia musica a livello nazionale. Vorrei poter dire finalmente di aver reso la mia passione, un lavoro.

Come hai vissuto questo 2020? Ti ha buttato giù o ti ha dato una spinta per creare qualcosa di nuovo?

Definisco questo 2020 come un anno non vissuto. Il 2019 è stato per me un anno bellissimo, in cui ho viaggiato tanto lavorando come cantante sulle navi da crociera; per questo, ho davvero molta nostalgia della normalità. Tuttavia, credo che questi mesi difficili siano serviti anche a riflettere di più sulle cose importanti e su noi stessi. Sono molte le cose che normalmente diamo per scontate; magari, d’ora in poi, le apprezzeremo di più.

Progetti futuri? Quando uscirà il tuo prossimo album?

C’è in progetto di pubblicare un mini EP, ma non c’è ancora una data. Ho nel cassetto alcuni inediti su cui abbiamo lavorato molto e che non vedo l’ora di farvi ascoltare! Vorrei anche partecipare ad un provino in ambito televisivo, o avere la possibilità di fare un featuring con qualche artista. Chissà. Per adesso, invito tutti ad ascoltare Buco Nero e a seguirmi sui social per tutte le novità che ci saranno.

 

Si ringraziano Carola e, come sempre, l’Ufficio Stampa di Camilla Ortolani.

Potrebbe interessarti ...