Fabrizio Pocci: “Coincidenze” è il suo nuovo singolo

Si intitola “Coincidenze” il primo singolo del nuovo progetto discografico di Fabrizio Pocci, con la supervisione artistica di Enrico Greppi -Erriquez- (Bandabardò), storico maestro e mecenate del cantautore toscano.

Dopo aver calcato prestigiosi palchi (Pistoia Blues, Beat Festival, Suoni di Marca, Effetto Venezia, The Cage, ecc.) da solo e con vari artisti (Niccolò Fabi, Max Gazzè, Daniele Silvestri), aver confezionato due dischi “Il migliore dei mondi” ed “Una vita (quasi) normale“, ha deciso di chiudere quella parte della propria vita riconoscendo che è stato un percorso bellissimo e pieno di soddisfazioni ma giunto al termine.

«Non si sa mai cosa aspettarsi da lui, ma sei sicuro che non ti deluderà – dichiara Enrico Greppi su Fabrizio Pocci -. Ha vissuto un lockdown personale prima di quello vero e proprio, fino a giungere alla decisione di avviare una produzione solista con un progetto che prende il suo nome».

Canzoni scritte in modi e momenti diversi, con emozioni diverse spesso contrastanti, danno vita a tracce che apparentemente non si collegano tra di loro ma che in fondo prendono vita nello stesso modo.

«E’ strano risentire cosa scriviamo dopo qualche tempo – racconta Pocci -, a volte sembrano canzoni di altri e questo è bellissimo. Dovremmo imparare davvero tutti a fare caso a quello che l’universo cerca di dirci sotto forma di qualunque cosa, basterebbe farci caso e la vita prenderebbe un altro senso».

Sono state appunto le “Coincidenze” a legare il tutto. “Coincidenze” è quindi il primo singolo scritto proprio sulla teoria dello psicanalista Jung ormai diventata una filosofia di vita per molti. Poi si parla d’amore chiaramente – o come vogliamo chiamare la relazione di coppia tra uomo e donna-, in tante direzioni e da molte prospettive.

 

Si ringrazia come sempre l’Ufficio Stampa di Marco Masciopinto.

Potrebbe interessarti ...