Antòn: “Voglio dare alla gente una chiave di lettura diversa riguardo tutto ciò che accade intorno a noi”

E’ disponibile in tutti i digital stores “Fronte Della Nuova Rivoluzione Universale“, il nuovo singolo del cantautore anagnino Antòn.

Il brano, accompagnato dal videoclip ufficiale visibile qui, è un inno al cambiamento pacifico, un invito ad una rivoluzione non violenta e, come afferma Antòn, “le canzoni sicuramente non cambiano le cose, ma possono far pensare”.

Ieri abbiamo avuto il piacere di scambiare quattro chiacchiere con l’artista; di seguito, la nostra intervista.

Antòn – Intervista.

Ciao Antòn, grazie per questa chiacchierata e benvenuto su Musica in Contatto. Parlaci un po’ del tuo progetto musicale, come nasce?

Grazie a voi! Il mio è un progetto nato dalla voglia di provocare le coscienze, di dare alla gente una chiave di lettura diversa dalla solita riguardo tutto ciò che ci accade intorno. Tutto circondato però da bella musica, una musica che oltre a trascinarti, ti lascia anche qualcosa.

“Fronte della nuova Rivoluzione Universale” è il tuo ultimo singolo. Parlaci di questo brano.

E’ un brano molto utopico. Quasi un sogno. Voler stravolgere le cose in una rivoluzione dove i fucili sono le parole e le note. Le strofe, come il titolo sono molto impegnate e piene di parole importanti. I ritornelli, scanzonati e senza parole, invece risuonano quasi come un inno molto musicale.

Come nasce l’idea per il videoclip del tuo nuovo brano?

Inizialmente l’idea era quella di coinvolgere tanta gente nel video ed infatti avevo già avviato un casting che stava avendo delle ottime risposte. L’emergenza COVID 19, però, poi ha cambiato tutte le carte in tavola ed ho dovuto girarlo da solo mantenendo ugualmente il look che mi era immaginato e credo che il risultato sia stato altrettanto soddisfacente.

Com’è cambiata la tua musica rispetto ai tuoi primi singoli “Soli contro tutti” e “Maledetta Luna”?

Le mie volontà e la mia voglia sono le stesse, se non di più. Musicalmente sono state inserite sonorità un po’ più moderne, ma anche un po’ più dure.

Cosa ti ha ispirato maggiormente per la composizione del brano?

La musica, come quasi sempre, nasce per caso. Il testo è venuto poi fuori automaticamente e molto velocemente, mettendo in musica tutto quello mi suscita il mondo e la società moderna. E l’Italia su tutto.

Dove possiamo seguire la tua musica e più in generale il tuo percorso?

Potete seguirmi sui vari Social ed anche sul mio Blog:

Facebook, Instagram, YouTube, Spotify, Blog.

 

Si ringraziano Antòn e, come sempre, l’Ufficio Stampa 0371 Music Press.

Potrebbe interessarti ...