Maddalena Conni: “Il non fare nulla non porta a nulla”

Oggi abbiamo avuto il piacere di intervistare Maddalena Conni, cantautrice e polistrumentista piacentina che, dopo i primi due album (“Sto sempre in casa come Mina” e “Come i Salmoni“), torna con un “E’ un segreto“, il suo nuovo singolo che invita l’ascoltatore, con dolcezza ed eleganza, a cambiare e a non perdere tempo.

Maddalenna Conni – Intervista.

Ciao Maddalena! Hai già due dischi autoprodotti alle spalle; ci spieghi qualcosa della tua carriera fin qui?

Ciao! Sì , “Sto sempre in casa come Mina”, è il primo. Il titolo, ironico, vuole essere un omaggio alla grande artista e nasce spontaneamente durante un servizio televisivo su Mina , nel quale si parlava del suo ritiro dalle scene, scegliendo un’altra forma di comunicazione, più riservata. Ho detto tra me e me “anch’io sto sempre a casa come Mina”… a mo’ di battuta, orgogliosa di avere almeno una cosa in comune con lei. E così è rimasto un tuffo in mie personali riflessioni, le canzoni sono crude, senza filtri, acerbe. Non l’ho ancora caricato sui digital stores, ma lo farò a breve.
“Come i Salmoni”, il secondo album, nasce dalla consapevolezza di essere parte di una musica non corrispondente a nessun genere in particolare, non alla moda, quindi ho riflettuto su quanto sia bello essere differenti, sul fatto che ognuno ha una propria importanza, anche se non corrisponde ai canoni, esattamente come i salmoni, che viaggiano controcorrente facendo una fatica immensa per deporre le uova al fiume e poi morire…Qui alterno ironia e giochi psicologici che spesso ci ingannano, che tutti facciamo, piccole incertezze, difetti, dubbi ma anche amore. Il disco è stato registrato a casa con gli oggetti a disposizione: piatti, custodie per chitarre a mo’ di percussioni, chitarre acustiche e poco altro.

“E’ un segreto” è il tuo nuovo singolo. Ma tu sei brava con i segreti?

Sì…mi piace mantenerli se mi si chiede di farlo.

Ci racconti come nasce il brano?

Il brano nasce da un’esigenza di comunicare la mia insofferenza verso la non azione. Il non fare nulla non porta a nulla. Cercare di cambiare le cose che non vanno bene ci fa sentire vivi e con un senso, che altrimenti si perde…

Hai altri singoli o LP in arrivo? Ci anticipi qualcosa?

Sto lavorando ad altri brani,durante il lockdown ho scritto molto e mi sto immaginando un percorso con dei temi ben precisi e collegati tra loro…

Ultima domanda: quali sono le tue influenze musicali in Italia, gli artisti a cui ti ispiri?

Francesco De Gregori, Paolo Conte e Tosca.

 

Si ringraziano Maddalena Conni e, come sempre, l’Ufficio Stampa Level Up.

Potrebbe interessarti ...