Laura Pausini: la Baby Pelón, bambola solidale a sostegno dei bambini malati di cancro, disegnata da lei e da sua figlia Paola, ha venduto un milione di copie. La gioia condivisa con i fan e l’invito ad acquistarla per aiutare la lotta contro il cancro infantile

La Baby Pelón è una bambola creata come omaggio ai bambini malati di cancro dalla fondazione Juegaterapia, (fondazione spagnola che si occupa del sostegno dei bambini malati di cancro), considerata la bambola solidale più bella del mondo.

La bandana di queste meravigliose bambole, è stata disegnata da molti artisti famosi nel corso degli anni: l’ultima, porta la firma di Laura Pausini, che l’ha creata insieme alla figlia di 5 anni. Sulla bandana c’è scritto: “l’Italia ama la Spagna”, con tantissimi cuori disegnati.

Ieri, la cantante amata ed apprezzata in tutto il mondo, ha condiviso con i suoi fan, tramite un post sulle sue pagine Social, la gioia per aver saputo che quest’anno, l’associazione benefica Juegaterapia ha venduto 1 milione di Baby Pelones.

Il post, accompagnato dall’immagine della campagna di raccolta fondi, termina con un invito; un invito che anche noi di MIC vi esortiamo a seguire: “Se volete partecipare a questo progetto, vi invito ad acquistare un #BabyPelón per aiutare la lotta contro il cancro infantile”.

La Pausini è molto orgogliosa ed onorata di far parte di questo progetto di beneficenza, ecco le sue parole:

“Sono molto orgogliosa di far parte di questa meravigliosa iniziativa. Io e mia figlia Paola di 5 anni abbiamo disegnato insieme il fazzoletto che indossa la nostra bambola”.

La bambola, che è stata pensata per dare luce e gioia ai bambini che sono ricoverati nei reparti oncologici degli ospedali, è senza capelli, per trasmettere un messaggio forte e meraviglioso: anche se sei calvo, non smetti di essere bellissimo.

Laura, ha dimostrato per l’ennesima volta la sua umanità e la consapevolezza di quanto, essere personaggi noti, porti con sé una forte responsabilità (ad oggi, spesso dimenticata e che ci auguriamo venga presto ritrovata), ma anche la possibilità di lanciare messaggi solidali e positivi.

Potrebbe interessarti ...

0

Rispondi