Sanremo 2019: il 37% degli artisti in gara è prodotto da aziende indipendenti, a riconferma dell’importanza delle indie nel settore musicale

Il Festival di Sanremo 2019, in programma dal 05 al 09 Febbraio su Rai 1, si conferma attento agli artisti dell’industria musicale indipendente.

Infatti, il 37% dei concorrenti in gara è prodotto da aziende indipendenti. Questo dato è un segno evidente del ruolo fondamentale che hanno le etichette indipendenti nella ricerca di nuovi talenti, nello sviluppo della carriera degli artisti e nella promozione dell’innovazione e della diversità culturale.

Il risultato conferma quanto evidenziato da “WINTEL Worldwide Independent Market Report 2018”, il nuovo rapporto sul mercato globale esplicativo dell’impatto economico della discografia indipendente, pubblicato il 04 dicembre 2018 da WIN – Worldwide Independent Network, di cui abbiamo parlato in questo articolo.

La PMI – Associazione dei Produttori Musicali Indipendenti, che rappresenta oltre il 20% della produzione musicale italiana, è presente alla sessantanovesima edizione del Festival della Canzone Italiana con i seguenti artisti:

Arisa ( con il brano “Mi sento bene”), Sugar Music

Nino D’Angelo & Livio Cori (con il brano “Un’altra luce”), Sugar Music

Ex-Otago (con il brano “Solo una canzone”), Garrincha Dischi/Metatron Srl

Ghemon (con il brano Rose viola”), Carosello Records

Motta (con il brano “Dov’è l’Italia”), Sugar Music

The Zen Circus (con il brano “L’amore è una dittatura”), Woodworm

Ultimo (con il brano “I tuoi particolari”), Honiro

 

Queste, le parole di Mario Limongelli, Presidente PMI:

“Questo è un ottimo risultato che conferma il buon momento dell’industria musicale indipendente e il ruolo centrale della nostra associazione sempre più attenta a stimolare le aziende a cogliere le opportunità di maggior interesse come il Festival della Canzone Italiana di Sanremo, che è ormai consolidato quale importante appuntamento per il settore” 

PMI è l’Associazione dei Produttori Musicali Indipendenti, nata nel 2005, che annovera più di 120 aziende indipendenti italiane, tra le più rappresentative del settore, ricoprendo oltre il 20% del mercato in Italia. Fa parte di “Confindustria Cultura Italia”, è firmataria dei CCNL e rappresenta la discografia indipendente italiana nel Board di IMPALA – Independent Music Company Association, con la quale collabora attivamente per dare più forza e supporto alle aziende indipendenti e colmare il divario tra le major e le indipendenti.

 

Si ringrazia come sempre l’Ufficio Stampa di Parole & Dintorni.

Potrebbe interessarti ...

0

Rispondi