X Factor 12: tutto sulla prima puntata

“Sta per partire X Factor. Come sempre iniziamo dalle Audizioni, che anche quest’anno hanno coinvolto più di 40.000 ragazzi che hanno deciso di prendere parte a questa dodicesima edizione. Quando 3 mesi fa abbiamo iniziato le registrazioni, non potevamo immaginare che uno dei nostri giudici venisse coinvolto in una vicenda che niente ha a che fare con lo spirito del programma, e che, sinceramente, ci ha un po’ spiazzato. Come vedrete, saranno delle belle Audition, a cui seguiranno i Bootcamp e gli Home Visit, che abbiamo deciso di farvi vedere in versione integrale, proprio per rispetto e tutela nei confronti dei cantanti, ma anche di tutte le persone che a X Factor lavorano con grande entusiasmo. Come probabilmente saprete, al termine di queste puntate ci saranno i Live, e ai Live ci sarà un nuovo giudice, proprio perché vogliamo che nessuna polemica o fatto al di fuori del nostro programma, possano distogliere l’attenzione dalla musica e dai talenti, che per 8 puntate si daranno battaglia. Buona visione.”

Con queste parole, registrate in un video messaggio (guardalo qui, sul Sito Ufficiale di Sky Uno), Alessandro Cattelan, conduttore di X Factor dal 2011, da il via alla prima puntata della dodicesima edizione del Talent.

Manuel Agnelli, Fedez, Mara Maionchi ed Asia Argento arrivano alla loro postazione passando, come sempre, tra il pubblico, che li accoglie con caloroso affetto.

La serata prende il via ed il primo concorrente ad esibirsi si chiama Emanuele Bertelli, ha 16 anni e riesce immediatamente a strappare 4 si ai giurati, con una standing ovation del pubblico, cantando e suonando al piano, “Human” di Rag’n’Bone Man. Manuel Agnelli lo definisce”la reincarnazione di Otis Redding”, paragonandolo ad uno dei più grandi cantanti statunitensi di musica soul.

Dopo 2 esibizioni che non convincono la giuria, arriva sul palco un ragazzo che indossa una maschera e si fa chiamare Alex Cliff. Il suo vero nome è Christian Almasio e sul palco di X Factor porta un inedito rap, intitolato “Bambino”, che conquista il pubblico e la giuria, aggiudicandosi 4 si.

E’ora il momento di una donna: due occhioni azzurri ed una capigliatura che Manuel definisce “orecchie da topo”. Si chiama Jennifer Milan, è tornata da poco in Italia dopo aver trascorso 10 anni in America e con la sua interpretazione di “Dusk till dawn”, brano di Zyan featuring Sia, carica di grinta e di quella esperienza e maturità che Fedez coglie immediatamente, porta a casa 4 si.

La prima band di quest’anno sale sul palco: sono i  Darsteller, che interpretano “Cuore Matto” di Little Tony. Per Fedez è no, ma per gli altri tre giudici è un si e la band passa la fase delle Audition.

Dopo 4 no consecutivi, è il momento di una ragazza che riesce ad emozionare profondamente (al punto di far piangere Asia Argento e Mara Maionchi), giuria e pubblico: è Elena Piacenti che, accompagnata dal suo ukulele, canta, dedicandolo alla madre che è dietro le quinte, il capolavoro di Sergio Endrigo “Io che amo solo te”, con un’interpretazione da brivido, intrisa di una dolcezza assoluta. 4 si per lei.

Arrivano i Moka Stone, una band che propone un inedito rap, intitolato “Grazie di che”. Per Fedez è no(il frontman della band gli ricorda moltissimo il rapper sardo Salmo e si chiede come possa, in futuro, rendersi diverso da quest’ultimo), ma per gli altri 3 giudici è un sì senza dubbi.

Due gemelli provano a convincere i giudici con “Rosso Relativo” di Tiziano Ferro, ma non riescono nell’impresa e tornano a casa con 4 no.

È il momento di un altro cantautore: è Mattia Lenzi, ha studiato agraria, si prende cura del terreno in cui abita e propone al pubblico di X Factor 12 “L’orto”, un inedito simpatico ed ironico, che fa però riflettere sulla Natura e sui suoi prodotti. Fedez non riesce a vedere sbocchi nel mercato discografico per questo ragazzo, per cui vota con un no. Manuel Agnelli però, dice al ragazzo di fregarsene del Mercato e vota si. Si anche da Mara Maionchi ed Asia Argento e Mattia passa le Audition.

Dopo altre tre esibizioni che non convincono i giudici, ne arriva una che lascia tutti a bocca aperta. Lei è  Martina Attili, ha 16 anni e nel video di presentazione dice di essere cresciuta a pane, acqua e Renato Zero. Racconta di aver già scritto ben 12 brani e che, molti di questi, fanno riferimento a malattie mentali. Prosegue affermando che molti le ripetono che, alla sua giovane età, non dovrebbe parlare di problematiche che, in quegli anni, dovrebbero restare lontanissime dalla gioia che è propria della sua età. Fedez rimane particolarmente colpito; l’idea di una giovanissima ragazza che affronta simili tematiche lo incuriosisce molto (anche sul fronte di una novità discografica che potrebbe rivelarsi molto interessante), e la esorta ad esibirsi, chiedendole che brano ha portato. Martina, con un sorriso, dice che ha scritto anche canzoni allegre e felici e che il brano che è pronta a presentare è un suo inedito, intitolato “Cherofobia” (la fobia di essere felici). Si siede al piano ed inizia a cantare. Il pubblico rimane incantato, la sua voce è un magico mix tra dolcezza e rabbia e le parole del testo, soprattutto se si pensa che ha solo 16 anni, sono un piccolo capolavoro. Un’esibizione che arriva dritta, potente, al cuore ed all’anima dei presenti, -ma anche di chi l’ha ascoltata da casa-, e si aggiudica una meritatissima standig ovation. 4 si e le importanti parole di Fedez: “Hai sviluppato una nuova patologia: quella di non vedere nessuno più bravo di te su questo palco!”

Un’altra ragazza arriva davanti a pubblico e giuria: si chiama Sherol Dos Santos Da Veiga, ed interpreta “And I’m telling you” di Jennifer Hudson. Timbro splendido, unico, esibizione favolosa ed intonazione perfetta. Sherol si aggiudica 4 si e viene già denominata “la nostra Beyoncé”.

Di nuovo due no, e poi è il momento di Srimiyatun Atun, una signora indiana che con molta umiltà e simpatia si esibisce nel grande classico di Massimo Raneri “Perdere l’amore”. L’interpretazione non è perfetta, anche per la sua difficoltà di cantare in italiano, ma è sentita, ricca di passione ed amore, ed arriva dritta al cuore del pubblico e della giuria che vota con 4 si.

Un altra band in arrivo: sono i Seveso Casino Palace, che portano sul palco un mix geniale e ben riuscito della trap con il metal. Interpretano, in chiave assolutamente originale, “Ricchi Per Sempre” di Sfera Ebbasta, in una cover che lascia spiazzati ed entusiasti pubblico e giudici. Fedez si congratula, dicendo loro che hanno dato nuova dignità al brano e che sono, finalmente, una band senza fronzoli. Manuel Agnelli trova la versione della band più bella di quella originale. Tutti e 4 i giudici si complimentano con i ragazzi e con la vocalità potente della leader e votano con 4 si.

La prima puntata si conclude ed #XF12 da appuntamento a tutti giovedì prossimo, sempre su Sky Uno.

Guarda le esibizioni qui.

Potrebbe interessarti ...

0

Rispondi