Baglioni, il suo nuovo format per il Festival di Sanremo e l’indiscrezione sulla conduzione di Barbara D’Urso

Le parole di Claudio Baglioni, sul nuovo  format del Festival di Sanremo(che, da quest’anno, avrà la durata di due settimane ed abolirà la scissione tra “Nuove Proposte” e “BIG”), suonano forti e chiare.

L’edizione 2019 della manifestazione canora più popolare d’Italia, sarà infatti molto diversa da tutte le precedenti: a Dicembre(dal 17 al 21), avrà luogo un’intera settimana dedicata al Contest dei Giovani(quelli che, fino allo scorso anno, sarebbero stati definiti le “Nuove Proposte”), ed i due finalisti di questo contest, si esibiranno sullo stesso palco, per la stessa gara, a Febbraio(dal 5 al 9), con i “BIG”.

Per il contest di Dicembre, gareggeranno 24 artisti under 36.

Baglioni scrive: “Di cosa parliamo? Di 6 serate – 4 selezioni e 2 finali – trasmesse in diretta su Rai Uno, in contemporanea su RadioDue e in differita su Rai 4 e ancora in replica su RaiUno, dedicate a giovani emergenti, tra i 16 e i 36 anni non ancora compiuti.
Le 4 selezioni andranno in onda nella fascia pre-serale, mentre le 2 finali verranno trasmesse in prima serata, a testimonianza di un livello di attenzione e di un rilievo che mai il Festival aveva tributato agli artisti più giovani e alla loro musica. Ma non è tutto.
La novità più importante, infatti, è un’altra: per la prima volta nella storia recente di Sanremo, i due vincitori del Festival Sanremo Giovani, saliranno sul palco dell’Ariston e avranno le stesse possibilità di vincere il concorso di tutti gli altri cantanti e addirittura “raddoppiare” la vittoria.
Personalmente, ho sempre trovato un po’ discriminante la contrapposizione simultanea tra Big e Nuove Proposte. Ho continuato a sentirla come una suddivisione concomitante che non faceva altro che fissare delle categorie che, rispetto al valore e alla bellezza delle canzoni, non hanno alcun senso. Il confronto diretto è tra parole, musica, interpretazione, arrangiamento, emozione”.

Anche l’AFI, Associazione Fonografici Italiani, ha approvato l’idea del contest per i giovani ed il suo nuovo presidente, Sergio Cerruti, afferma:“Parlando di giovani non posso non esprimere la mia soddisfazione per le novità che riguardano il Festival di Sanremo, condividendone lo spirito e le buone intenzioni del Direttore Artistico Claudio Baglioni e della Rai nell’intraprendere una scelta coraggiosa che darà a molti più artisti la possibilità di proporre le loro canzoni”. E prosegue: “C’è sempre una prima volta… e per me questo è il primo Festival come “giovane” presidente della storica A.F.I. Ho già in mente alcune iniziative collaterali per promuovere
e sostenere ulteriormente la musica dei giovani talenti italiani”.

Sulla conduzione del Festival, insieme a Claudio Baglioni, c’è chi spera in un ritorno della coppia Favino – Hunziker, ma anche l’attore bergamasco Giorgio Pasotti, sembra essere tra i papabili. Solo poche ora fa, è girata la voce che anche Barbara D’Urso sarebbe stata contattata da Baglioni per la conduzione del Festival.

L’intero post scritto da Claudio Baglioni:

Potrebbe interessarti ...

0

Rispondi