“Famo$o” il film: la Conferenza Stampa svela le prime due date live di Sfera Ebbasta nel 2021, il ritorno del Rolling Stone in edicola con un numero celebrativo sull’artista ed una mostra fotografica a Cinisello Balsamo

Si è tenuta oggi alle ore 12.00, in streaming, la Conferenza Stampa su “Fmo$o”, il film sulla vita del King della Trap italiana, Sfera Ebbasta, che sarà disponibile in tutto il mondo da domani, martedì 27 Ottobre, in esclusiva su Amazon Prime Video (qui il nostro articolo con tutti i dettagli), tradotto in 5 lingue.

Il racconto di due anni intensissimi, che hanno portato il ragazzo di Cinisello Balsamo (MI) a diventare una vera e propria star, con seguito e numeri da capogiro.

La storia di un giovane talentuoso ed ambizioso, che però non ha mai dimenticato le proprie radici, il proprio percorso e che con determinazione e sacrificio è arrivato ad essere quello che tutti noi oggi conosciamo, puntando sempre più in alto.

“Famo$o”, il film, diretto da Pespy Romanoff, punta a descrivere un percorso fatto di duro lavoro, mettendo in luce gli aspetti che caratterizzano non soltanto il personaggio di Sfera Ebbasta, ma anche i sogni, la quotidianità e le aspirazioni di Gionata Boschetti, la persona, professionale e con le idee ben chiare, che c’è dietro alla star.

Il film anticipa l’omonimo nuovo album di Sfera Ebbasta, in uscita il 20 Novembre (qui il nostro articolo a riguardo), con collaborazioni internazionali.

Di seguito, un breve resoconto della Conferenza Stampa con le dichiarazioni dei relatori.

Shablo: Sfera Ebbasta può piacere o non piacere, ma è innegabile che il suo ingresso nel panorama discografico italiano, il suo e quello della BHMG, ha avuto un enorme peso. Lui ha sempre puntato alla globalizzazione della sua musica, a portare il tutto su un piano internazionale. E le superstar mondiali, come J Balvin o Steve Aoki, che hanno collaborato a “Famo$o” (sia album che film), credono tantissimo in lui e nel suo progetto, come ci ha creduto dall’inizio tutto il suo team di lavoro. Quella che racconta il film è una storia molto bella, una storia sincera. Ricordo che i primi tempi Sfera, Charlie Charles e gli altri ragazzi, erano onorati di lavorare con me e Marracash; quasi non ci credevano. Ma al tempo stesso, nonostante muovessero i loro primi passi in questo mondo, avevano già una strategia molto chiara in mente ed è questo che fa la differenza.

Charlie Charles: Ho conosciuto Sfera online e ci siamo incontrati di persona per la prima volta al Mc Donlad’s. Ci siamo subiti capiti e siamo sempre stati molto ambiziosi e determinati. Puntiamo sempre a migliorarci, a fare cose nuove, che siano superiori alle precedenti. Stiamo cercando di costruire un progetto che arrivi internazionalmente, un progetto unico, innovativo.

Pepsy Romanoff: girare questo film è stata un’esperienza molto significativa per me. La musica di Sfera può piacere o no, ma questa è una gran bella storia che ti insegna qualcosa. In un periodo  storico in cui ci sono pochi valori, il messaggio che lascia questo progetto è quello che comunque va buttato del combustibile, in senso positivo, per creare qualcosa. Questi ragazzi sono partiti dal basso per affacciarsi sul mondo. Sono rimasto molto affascinato da loro. Ho incontrato Sfera e Charlie nel 2014, per un provino e ne sono rimasto davvero colpito. Questo film racconta in maniera netta gli ultimi due anni dell’artista, ma ci sono sprazzi del passato, che fanno vedere la persona dietro al personaggio: lui è un grandissimo professionista, ci tengo molto a dirlo. Sono felice di aver raccontato l’evoluzione, o almeno, la prima tappa di una grande percorso. Questo sarà solo il primo mattone, il primo passo di tanti progetti importanti. Volevo creare una differenza rispetto a tutto quello che avevo fatto in precedenza; volevo raccontare in tante sfaccettature un artista che fa tante cose diverse. Abbiamo girato talmente tanto materiale da poter fare altri due film. “Famo$o” è un grande puzzle che unisce tanti pezzettini.

Jacopo Pesce (direttore di Island Records): non abbiamo potuto fare un’anteprima all’ODEON, dopo il DPCM di ieri. “Famo$o” è un progetto che include film e disco. Dopo anni di duro lavoro, stiamo puntando ad estendere la musica di Sfera ben oltre i confini nazionali ed europei. “Pablo” ha dato vita ad una pioggia di contatti, al vero interesse internazionale, che è nato passo dopo passo, dagli esordi di Sfera ad oggi. Il disco uscirà il 20 Novembre in tutto il mondo in 4 versioni, CD, Vinile, Delux e Superdeluxe: queste due versioni sono molto molto particolari e curatissime nei dettagli, grazie all’intervento di artisti super stimati in tutto il mondo. E’ un progetto dal fortissimo potenziale internazionale ed anche con il film abbiamo lavorato avendo come obiettivo uno standard qualitativo elevatissimo. Credo nn abbia niente da invidiare ai format a cui siamo abituati. Sfera non ha voluto dimenticare le sue radici, a cui tiene moltissimo. Nessuno deve dimenticarsi da dov’è partito. Io ci tengo e voglio darvi due piccole anteprime: inaugureremo una mostra di fotografia dal 16 Novembre al Museo di Fotografia Contemporanea (MUFOCO) di Cinisello Balsamo (partner della Triennale di Milano), con scatti che ripercorreranno la storia di Sfera. La mostra sarà sia indoor che outdoor, sia dentro al Museo che nella piazza Gramsci di Cinisello Balsamo. La mostra aprirà le porte alla “Milano Music Week“, ospitando uno dei suoi cittadini più famosi a livello internazionale.  La seconda anteprima è che il Rolling Stone tornerà in edicola a metà Novembre con un numero monografico celebrativo, dedicato proprio a Sfera. Queste sono solo due piccole anticipazioni; a Novembre sveleremo molto di più. Sfera sarà per il mondo “l’italiano che fa rap”; questa è una grandissima novità. E’ il primo artista italiano a cantare in italiano puntando all’internazionalità. Solo Mahmood, prima di lui (con “Soldi”) è arrivato oltre i confini senza tradurre i brani in altre lingue.

Maurizio Salvadori (Trident Music/Assomusica): io sono l’ultimo arrivato in questo gruppo di lavoro ed ho trovato un team davvero forte, molto ma molto professionale. Non si può pensare ad uno spettacolo tradizionale data la Pandemia. In Sfera Ebbasta ho trovato un ragazzo con le idee molto chiare. Gli artisti danno input e sta a noi renderli realizzabili dal punto di vista tecnico. Annunciamo oggi due anteprime: dal 04 Novembre saranno in vendita i biglietti dei primi due Forum, a Settembre (13 e 14), a breve annunceremo altre date. Vogliamo lanciare un messaggio di speranza. Abbiamo la ragionevole certezza che, per quella data, tutto torni alla normalità. Ad ogni modo, se a Settembre 2021 saremo ancora in emergenza, i biglietti verranno rimorsati (comprensivi di prevendita).

 

Si ringrazia come sempre l’Ufficio Stampa Goigest.

Potrebbe interessarti ...