Boss Doms: il 03 Luglio esce “I Want More”, il suo nuovo singolo che fonde la musica pop alla cultura underground

Come anticipato in questo articolo, che annunciava anche l’uscita del remix di “Remember Me” di Alex Gambino, Boss Doms si prepara a farci ascoltare il suo primo progetto solista.

Una nuova avventura per il più eccentrico ed eclettico produttore della scena musicale italiana, uno tra i più ricercati, apprezzati e stimati.

A fare da apripista a questo nuovo percorso, venerdì 03 Luglio verrà rilasciato in tutti gli store digitali “I Want More” (Warner Music Italy).

Il brano, dallo spiccato respiro internazionale, si pone l’obiettivo di rendere fruibile da più persone la techno, genere che da sempre appassiona Boss Doms. “I Want More” rappresenta lo scontro tra il mondo del pop e la cultura della musica underground, che in questo pezzo si fondono e si amalgamano in maniera naturale.

«Più che un nuovo brano, “I Want More” è un nuovo sound – dichiara Boss Doms -. Un singolo trattato come se fosse un disco, nonché il risultato di un anno di lavoro. Ho lavorato in studio e passato tutti i suoni all’interno di macchine analogiche per renderli più autentici. Ho unito la techno alla pop music, dove strofe ed incisi sono invertiti, così da ottenere strofe più movimentate grazie al groove della cassa in 4/4. “I Want More” è il primo assaggio di un progetto che nasce dall’intento di rendere la musica techno più radiofonica, ma con un’architettura underground e dark».

Alla base del pezzo, un’accurata ricerca di suoni ed una cura unica ai dettagli: l’artista infatti ha collaborato con il collettivo NHB, composto da cultori della techno, dalla quale ha appreso tutti i segreti del genere, che lo hanno portato ad optare per l’utilizzo di strumenti analogici al fine di ottenere la migliore qualità del suono possibile.

Sarà il blu il colore che accompagnerà le atmosfere dark di questo nuovo progetto, una commistione tra il nero che caratterizza la musica underground e l’universo colorato del pop che in questi anni Boss Doms ha vissuto e sperimentato.

Si ringrazia come sempre l’Ufficio Stampa di Lucrezia Spiezio.

Potrebbe interessarti ...