PaloAlto: è online “Luglio ’94”, il suo nuovo singolo

E’ disponibile in tutti gli store digitali “Luglio ’94”, il nuovo singolo di PaloAlto, prodotto in collaborazione con Mark Ceiling ed ispirato alle sonorità del French Pop.

Il brano, che fa seguito a “22.58” e “Scazzare (21.46)“, va oltre il racconto di una storia d’amore estiva, diventando un simbolo di disillusione e rottura con la visione ottimistica del futuro.

Sulla scelta del titolo, l’artista spiega:

«Siamo i primi che, quando chiedono alla generazione precedente come fosse il passato, ricevono sempre la stessa risposta: Tempi Migliori. “Beh, Luglio 1994 è stato l’ultimo luglio senza di me: deve essere stato un mese fantastico.” Il senso della canzone è riassunto nelle prime parole del ritornello: “Ubriachiamoci di sale fino a quasi stare male”, che può essere letto con doppia accezione: positiva, come bacio salato o negativa, come pianto ininterrotto, lasciando libera interpretazione all’ascoltatore».

“Luglio ’94” è il primo singolo del progetto “Ceci n’est pas de la musique”, che si propone di essere colonna sonora alla strana estate post COVID-19.
Serve più della musica per riuscire a riprendersi da questo momento delle nostre vite. I tre singoli del progetto sono visti come opere d’arte, tanto da essere appese sul muro di un museo. Ispirate da cinema, architettura, pittura e scultura, le tracce seguono la filosofia del ripartire da quei frammenti del passato, che ci vengono raccontati dalle vecchie generazioni, per costruire un futuro migliore.

 

Biografia.
PaloAlto, nome d’arte di Alessandro Spada, nasce a Roma il 30 Luglio 1995. Il suo percorso artistico comincia all’età di 14 anni, quando entra in una rock band e, negli anni successivi, passa alla consolle, suonando come resident DJ in diverse discoteche romane. Nel 2017 l’Università prende il sopravvento e la musica viene relegata al ruolo di hobby. Laureato in Finanza e dopo un’esperienza lavorativa in banca, nel 2019, il ritorno di fiamma: nasce PaloAlto, come luogo dove poter esprimere sé stesso e le proprie emozioni.

 

Si ringrazia PaloAlto per la collaborazione.

Potrebbe interessarti ...