Premio Amnesty International Italia 2019: i 10 artisti in lizza per la miglior canzone sui diritti umani ed il bando per gli emergenti

Carmen Consoli con “Uomini Topo“, Ghali con “Cara Italia“, Patrizia Laquidara con “Il cigno – The Great Woman“, Ermal Meta e Fabrizio Moro con “Non mi avete fatto niente“, Francesca Michielin con “Bolivia“, Roy Paci & Aretuska feat. Willie Peyote con “Salvagente“, i Punkreas con “U-Soli“, i Radiodervish con “Nuovi schiavi“, Salmo con “90MIN“, i Subsonica con “Punto critico“. Sono questi i dieci brani in lizza per il Premio Amnesty International Italia, sezione Big, l’importante riconoscimento riservato ai brani pubblicati da artisti italiani affermati nell’anno precedente, che tocchino tematiche sui diritti umani.

Il riconoscimento, nato nel 2003 nell’ambito del festival “Voci per la Libertà – Una canzone per Amnesty”, viene assegnato da una giuria di giornalisti, conduttori radiofonici e televisivi, studiosi, rappresentanti di festival, referenti di Amnesty e di Voci per la Libertà. Nella prima fase, le dieci canzoni finaliste sono invece state scelte da Amnesty e Voci per la Libertà, pescando dalle segnalazioni giunte dal pubblico e dagli addetti ai lavori.
Il vincitore del Premio Amnesty International Italia 2019 sarà ospite nella nuova edizione di Voci per la Libertà, in programma dal 18 al 21 Luglio a Rosolina Mare (Rovigo).

A seguire, l’albo d’oro del Premio: nel 2003 vinse “Il mio nemico” di Daniele Silvestri, nel 2004 “Pane e coraggio” di Ivano Fossati, nel 2005 “Ebano” dei Modena City Ramblers, nel 2006 “Rwanda” di Paola Turci, nel 2007 “Occhiali Rotti” di Samuele Bersani, nel 2008 “Canenero” dei Subsonica, nel 2009 “Lettere di soldati” di Vinicio Capossela, nel 2010 “Mio Zio” di Carmen Consoli, nel 2011 “Genova brucia” di Simone Cristicchi, nel 2012 “Non è un film” di Fiorella Mannoia e Frankie Hi-Nrg MC, nel 2013 “Gerardo nuvola ‘e povere” di Enzo Avitabile e Francesco Guccini, nel 2014 “Atto di forza” di Max Gazzè, nel 2015 “Scendi giù” di Mannarino, nel 2016 “Pronti A Salpare” di Edoardo Bennato, nel 2017 “Ballata triste” di Nada, nel 2018 “L’uomo nero” di Brunori Sas.

Nel frattempo è disponibile online, a questo link, il bando per la 22esima edizione del “Premio Amnesty International Italia Emergenti”, a cui possono partecipare tutti gli artisti emergenti che abbiano un brano legato al tema dei diritti umani, in qualsiasi lingua o dialetto e con qualsiasi genere musicale.
La scadenza del bando è fissata per il 06 Maggio, ma gli artisti che si iscriveranno entro il 16 Marzo avranno un’ulteriore possibilità. Fra tutti loro, infatti, il pubblico potrà votare online il brano migliore, conferendo il Premio Web Social e facendo accedere direttamente l’artista vincitore alle semifinali della fase live.
Fra tutte le iscrizioni arrivate entro il 06 Maggio ci sarà inoltre il Premio Under 35, che consentirà al migliore giovane di accedere alle semifinali del concorso.
L’Associazione Voci per la Libertà sceglierà poi altre sei proposte, che si batteranno assieme al Premio Web Social e al Premio Under 35 nel concorso dal vivo a Rosolina Mare. Qui, una giuria prestigiosa di addetti ai lavori assegnerà il Premio Amnesty International Italia, sezione Emergenti.

 

Si ringrazia come sempre l’Ufficio Stampa di Monferr’Autore.

Potrebbe interessarti ...

0

Rispondi