Joseph Parsons: il 15 Marzo esce “Digging For Rays”, il suo nuovo album. Ad Aprile, due live in Italia

“Digging For Rays”, il nuovo album di Joseph Parsons in uscita il 15 Marzo per Meer Music/ Blue Rose Records, ha tutto ciò che nel 2019 si può chiedere ad un disco cantautorale, e molto di più.
Ci sono infatti bellissime melodie e testi profondi, sonorità evocative di enormi spazi aperti e vibrazioni quasi senza tempo ma contemporanee, e poi c’è la sua voce, maestosa ed elegante.

Questa, la tracklist del disco:

  1. Wide Awake
  2. Come Around
  3. Living Things
  4. Beautiful Lie
  5. Today
  6. Piracy
  7. Sad Parade
  8. Dreaming
  9. Long Road
  10. Hellwach (Bonus Track)

Parsons è un cantautore, ma è anche un musicista che ha viaggiato tanto ed, inevitabilmente, questo suo tredicesimo lavoro in studio riflette entrambi questi aspetti.
L’artista, cresciuto tra la Pennsylvania e la Lousiana ma attualmente residente in Germania, parte da generi a lui familiari come il folk ed il rock per creare qualcosa di nuovo, una musica che sia emozionante ed attuale, senza però rinnegare le proprie radici, né soddisfare la tendenza musicale della nostra epoca.
In altre parole, è quel tipo di album che l’autore crede che stessimo aspettando.
Brani come “Living Things” con il suo ritmo propulsivo, l’acustica ed elegiaca “Sad Parade”, la cupa “Wide Awake” e la seducente “Beautiful Lie”, suonano tutti freschi ed originali, elevati da una voce unica nel suo genere.

Parsons è un cantante riflessivo e controllato, che convoglia la sua profondità emotiva con delicatezza e seduzione, utilizzando intriganti giochi di sfumature.
“Digging For Rays” è il modo di Parsons di dire che “cercare nella vita una piccola luce, raggi di speranza e la luce del sole” è dolorosamente necessario, considerando come se la passa il mondo oggi ed, in particolare, il suo Paese natale.

Sono ancora un ottimista anche quando le cose sembrano andar male”, dice Parsons.

La musica lo aiuta a mantenere questo suo equilibrio ed ottimismo.
Con più di una dozzina di album in studio, tante collaborazioni artistiche e più di 20 anni di live, Joseph Parsons ha dimostrato a tutto il mondo di essere un cantautore di classe, un musicista versatile ed un ottimo performer.

Ma continua ancora a spingersi oltre, aggiungendo sonorità più moderne alla propria tavolozza, per creare un altro brillante disco che rivela livelli diversi ad ogni ascolto successivo.
Alcune delle sue canzoni sono più introspettive ed offrono spunti più profondi, mentre altre sono scritte dal punto di vista di un attento osservatore, che ci racconta questo mondo in continuo cambiamento.
E’ un mondo che Parsons conosce molto bene, avendo vissuto in tanti luoghi diversi nel corso degli anni, da Los Angeles a Baghdad passando per Berlino.

Parsons attinge anche da grandi artisti come James Taylor, Cat Stevens, Bob Dylan, Jackson Browne e da menti fuori dal coro come Miles Davis, Paco de Lucia, Bob Marley e Daniel Lanois.
Da questi ingredienti ha creato una musica originale noncurante delle etichette. L’unica cosa che conta per Parsons è fare una buona canzone.
E quando una canzone è davvero buona?

Quando raggiunge il cuore e l’anima dell’ascoltatore”, afferma Parsons.

Senza dubbio i 10 brani che compongono il suo “Digging For Rays” fanno esattamente questo.

Joseph Parsons sarà in Italia ad Aprile per presentare il nuovo album, insieme alla sua band (Ross Bellenoit alla chitarra elettrica ed ai cori, Sven Hansen alla batteria, alle percussioni ed ai cori e Freddi Lubitz al basso ed ai cori); queste le tappe:

11 Aprile: Vignola (MO) @Stones Café
12 Aprile: Ravenna @Boca Barranca

 

Si ringrazia come sempre l’Ufficio Stampa di Rouge Promozione Musicale.

Potrebbe interessarti ...

0

Rispondi