Il Cantagiro 2019: le date delle finali

La macchina de “Il Cantagiro” 2019 è già in movimento e pronta per le battute conclusive.

Sono state presentate le date delle finali, che si articoleranno nelle seguenti serate: il 28 Settembre per la categoria “Internazionale”, il 29 Settembre per la categoria “Junior-Baby” ed il 05 Ottobre la Finalissima, che si terrà, come da tradizione, nella splendida città di Fiuggi (FR).

La storica manifestazione canora itinerante, ha da sempre catturato l’attenzione di pubblico e critica, proprio per la sua tipicità nello scoprire in giro per l’Italia talenti emergenti di qualità.
Inoltre, dal lontano 1962, anno di nascita della kermesse, porta con sé un fascino “vintage” ancora intatto, tipico degli anni ’60 e ’70.

L’idea nacque da una creativa intuizione dell’allora patron/fondatore Ezio Radaelli, che, rifacendosi all’idea del mitico Giro d’Italia ciclistico, concepì un festival itinerante, una sorta di “Giro d’Italia canoro” dove artisti già noti, ma soprattutto sconosciuti, venivano reclutati lungo le tappe dislocate in tutta Italia. Dopo l’esibizione nella piazza principale della città/tappa prescelta, gli artisti venivano valutati da una giuria popolare, che ne decretava il vincitore. La lunga e festosa carovana di automobili scoperte, partiva con a bordo cantanti, tecnici ed addetti ai lavori, e percorreva le strade d’Italia giungendo ad ogni tappa fra l’entusiasmo festante della folla.

Una storia lunga quasi mezzo secolo, che ha portato ad esibirsi cantanti del calibro di Lucio Battisti, Adriano Celentano, Gino Paoli, Domenico Modugno tra i tanti nomi eccellenti e la stampa ed i giornali ne annunciavano le date e le tappe come un avvenimento di grande rilevanza.

Tra alti e bassi, la manifestazione giunge fino ai giorni nostri, complice un rinnovo al vertice nel 2005 con l’ingresso del promoter Enzo De Carlo, che acquista il marchio. E’ lui a rilanciare in chiave moderna il concorso, inserendo le categorie “Junior-Baby”, ed anche quella “Internazionale”, nata per attirare e coinvolgere nel progetto canoro sia gli italiani residenti all’estero, ma soprattutto gli stranieri che vivono in Italia. Una categoria che fa da “ponte” per sviluppare una sorta di “comunità in musica”, con un processo di integrazione, attraverso questo linguaggio universalmente riconosciuto. Tutto questo, racchiuso come sempre da una selezione di qualità degli artisti: la giuria è composta da professionisti del settore (discografici, autori, artisti, giornalisti, esperti di comunicazione), che valutano in maniera esperta le performance dei concorrenti.

Novità di questa nuova edizione l’assegnazione del Premio Nuovo IMAIE del valore di 15.000 € per la realizzazione di un tour live.

Si ringrazia come sempre l’Ufficio Stampa Isabel Zolli Promotion Agency.

Potrebbe interessarti ...