Jovanotti: la tappa ad Albenga del suo “Jova Beach Party” è stata annullata, causa le recenti mareggiate che hanno eroso la spiaggia, location del concerto

Trident Music, l’organizzatore del Jova Beach Party, il nuovo tour di Jovanotti, ha annunciato che la tappa (Sold Out) prevista per il prossimo 27 Luglio ad Albenga (SV), è stata annullata, causa le recenti mareggiate sulle coste liguri, che hanno eroso la spiaggia scelta per il concerto, e, di conseguenza, hanno reso impossibile l’allestimento delle imponenti strutture utilizzate nel tour.

“La produzione – spiega Trident Music -, sta cercando una possibile location alternativa che possa soddisfare gli spettatori dell’area nordovest”.

Queste, invece, le parole di Riccardo Tomatis, sindaco di Albenga:

“La spiaggia alla foce del fiume Centa non è più nelle condizioni di ospitare l’esibizione di Jovanotti perchè 10-12 metri sono stati ‘mangiati’ dalle onde nella mareggiata dei giorni scorsi.
Purtroppo sono emerse delle criticità che gli organizzatori hanno considerato insormontabili.
Gli uffici comunali, gli amministratori ed io ci siamo prodigati per andare incontro ad ogni esigenza che via via ci veniva rappresentata dagli organizzatori.
Per quel che concerne la stretta competenza comunale, infatti, avevamo già portato avanti alcuni degli atti autorizzativi fondamentali per la realizzazione dell’evento”.

E’chiaramente possibile richiedere il rimborso dei biglietti; di seguito, tutte le modalità possibili per farlo:

Biglietti acquistati presso i punti vendita TicketOne:
Il rimborso dei biglietti potrà essere richiesto presso il Punto Vendita in cui è stato effettuato l’acquisto entro e non oltre il 30 Agosto.

Biglietti acquistati sul sito TicketOne o tramite Call Center:
I biglietti acquistati on line sul sito TicketOne o telefonicamente tramite i Call Center TicketOne, verranno rimborsati totalmente (compresi i diritti di prevendita), escludendo unicamente le commissioni di servizio e gli eventuali servizi di spedizione già effettuati e fatturati, ed eventuali altri servizi acquistati, come da modalità regolamentata nei termini e condizioni di acquisto del nostro sito.

Biglietti acquistati con ritiro sul luogo dell’evento:
Il rimborso dei biglietti acquistati on line sul sito TicketOne.it o telefonicamente tramite i Call Center TicketOne potrà essere richiesto scrivendo all’indirizzo email ecomm.customerservice@ticketone.it entro e non oltre il 30 Agosto.
Il rimborso verrà effettuato mediante riaccredito sulla carta utilizzata per l’acquisto o altro metodo di pagamento utilizzato in fase di acquisto. Tale operazione di riaccredito avrà inizio a partite dal ricevimento della mail di richiesta e la visibilità del riaccredito sarà possibile dal mese successivo.

Biglietti acquistati con spedizione tramite corriere espresso:
Il cliente dovrà spedire i biglietti tramite raccomandata con ricevuta di ritorno entro 23 Agosto (data timbro postale) presso:
TicketOne S.p.A.
Via Vittor Pisani 19
20124 Milano
C.a. Divisione Commercio Elettronico

Il rimborso verrà effettuato mediante riaccredito sulla carta utilizzata per l’acquisto o altro metodo di pagamento utilizzato in fase di acquisto. Tale operazione di riaccredito avrà inizio a partite dal ricevimento della raccomandata e dalla verifica del suo contenuto.
La visibilità del riaccredito sarà possibile dal mese successivo.

Tutti coloro che hanno acquistato i biglietti online sul sito TicketOne o telefonicamente tramite i Call Center TicketOne riceveranno all’indirizzo indicato in fase d’acquisto l’e-mail del Customer Care di TicketOne contenente tutte le modalità specifiche per il rimborso. Chi non dovesse riceverla o avesse bisogno di ulteriori informazioni è pregato di utilizzare il form ”Contattaci” che si trova all’indirizzo https://www.ticketone.it/help.

Queste, invece, di poche ore fa, le parole dello stesso Jovanotti, che, ad Albenga, è particolarmente affezionato, in quanto è stata la città che lo ha ospitato durante il Servizio Militare:

“(…) la rabbia della cancellazione di Albenga del prossimo 27 luglio, che mi riporta a terra nella realtà che a volte delude e fa incazzare specialmente quando non posso fare niente per modificarla. Mi dispiace per tante ragioni, non solo perché mi piace da pazzi essere lì tutti insieme a fare musica e ad Albenga era già pronta una Line up di ospiti e sorprese che non vedevo l’ora, non solo solo perché una ‘macchina’ come questa se si ferma anche solo per un giorno perde un giro in tutti i sensi (1000 persone lavorano a JBP), mi dispiace soprattutto per chi intorno a questa data ci aveva investito tempo, aspettative, fiducia e quella che io di solito chiamo energia, per farla breve. Mi dispiace per Il pubblico, molti di voi che leggete, molti di Albenga e dintorni ma moltissimi da lontano, la città stessa che da subito ha creduto in questo progetto, i negozianti della zona, i ristoratori, gli hotel, i campeggi, perfino quei cittadini che non sono interessati alla musica ma hanno piacere che la propria città viva un giorno speciale, che poi si ricorderà . Io amo i concerti anche perché accendono movimento nei luoghi, e Jova Beach Party nasce legato a questo , sennò avremmo fatto un tour normale come fanno tutti, nei luoghi dell’industria dello show business abituale, più o meno grandi, ma non ci saremmo messi in questa avventura coinvolgendo centinaia di migliaia di ‘pazzi come me’. La musica arriva in un posto e lo vivifica e il posto agisce sulla musica stessa, su questo non si discute, è sempre stato così, aldilà del tipo di musica o se un artista ti piace o te ne freghi, la musica è sempre un tipo di magia, di meraviglia . Mi sbatterò per ripagare questa delusione con qualcosa che la faccia dimenticare, adesso non so dirvi come, vi tengo informati.
Vi copio qui sotto alcuni punti aggiunti oggi al comunicato stampa di ieri degli organizzatori di Jova Beach ad Albenga.
A completamento del comunicato di ieri di @TridentMusic
1) Quando a novembre si è cercato una spiaggia in Liguria si era ben coscienti che non c’era la disponibilità di spiagge come quelle sull’adriatico, ma Albenga rispondeva comunque ai requisiti minimi per ospitare il Jova Beach Party.
2) In varie occasioni in questi mesi sono stati fatti rilievi che hanno evidenziato una riduzione della spiaggia ma la convinzione delle autorità competenti era che per il periodo estivo la spiaggia sarebbe ritornata alle misure originali di novembre.
3) Le ultime mareggiate invece , compresa quella di una settimana fa, hanno ulteriormente eroso alcuni punti della spiaggia riducendola sotto i parametri minimi accettabili dal punto di vista della sicurezza.
4) La cancellazione di una tappa è l’ultima cosa che un organizzatore vorrebbe fare, dato che è proprio lui ad avere i maggiori danni. Vi sono però regole inderogabili per la sicurezza alle quali attenersi e, al di la dei disagi oggettivi, questo è un atteggiamento che dovrebbe essere apprezzato.
5) Per organizzare una data del JBP sono necessari mesi di lavoro. Bisogna ottenere le autorizzazioni delle locali cpv (commissione provinciale vigilanza), del piano sicurezza del piano sanitario , del piano viabilità, etc etc . Per completare tutti gli iter amministrativi occorrono mesi di lavoro. Ringraziamo quindi tutti gli amministratori che in queste ore si sono proposti con i propri Comuni ma è del tutto evidente che non ci sono i tempi tecnici per organizzare una tappa alternativa ad Albenga per il 27 luglio . E’ invece allo studio, visto il clamoroso successo del Jova Beach, un nuovo appuntamento per il numeroso pubblico ligure, lombardo e piemontese”.

Potrebbe interessarti ...