Mogol è il nuovo Presidente SIAE

Dopo l’esperienza di qualche anno fa (2013) con Gino Paoli, la SIAE torna ad affidare la carica di Presidente ad un personaggio noto, uno che, di musica se ne intende eccome. Stiamo parlando di Mogol, al secolo Giulio Rapetti, che ieri è stato nominato Presidente della Società Italiana degli Autori ed Editori, e succede a Filippo Sugar.

Mogol, che con le parole ha dato vita a moltissimi capolavori della musica italiana, ha scelto quelle che seguono, per iniziare il suo mandato in SIAE:  “Siamo in guerra: si sta attentando al diritto d’autore. Responsabili sono le multinazionali piene di miliardi. Ma spero tanto che vinceremo: loro hanno i miliardi e fanno attività di lobbying, noi abbiamo ragione”. Parole che fanno riferimento alla normativa sul diritto d’autore in discussione al Parlamento Europeo.

A presiedere il Consiglio di Sorveglianza è stato chiamato Andrea Purgatori, giornalista, scrittore, autore e conduttore TV, che, in passato, aveva rivestito alcune cariche in SIAE

Ad affiancare Mogol, invece, opereranno come consiglieri: Salvatore Nastasi (genero di Giovanni Minoli), Roberto Razzini (Managing Director della Warner Chappel Music Italiana), Claudio Buja (Presidente di Universal Music Ricordi Pubblishing e di Emusa – Assocazione degli Editori Musicali-) e Federico Monti Arduini, meglio conosciuto come “Il guardiano del faro”(noto soprattutto negli Settanta ed Ottanta per i suoi lavori con il moog  -sistema di sintetizzatori basati su tastiera progettato e costruito dall’ingegnere statunitense Robert Moog-, e come compositore per altri artisti; spesso ha usato lo pseudonimo Arfemo, dalle iniziali del nome e dei due cognomi).

 

 

Potrebbe interessarti ...

0

Rispondi